Vertenza Natuzzi, l’azienda diserta l’incontro con la task force regionale

0

Un primo, piccolissimo, passo in avanti è stato raggiunto in Regione Puglia ieri nel percorso di affannosa ricerca di una soluzione per la vertenza che vede coinvolta la Natuzzi. Trecento dipendenti in esubero e posizioni chiare, nette e contrapposte in campo.

Eppure il dialogo, faticosamente, va avanti. Mentre i rappresentanto aziendali non si sono presentati a Bari, la Task Force regionale ha ottenuto dai sindacati la promessa di sospendere le azioni di lotta sindacale almeno fino alla prossima riunione della Task Force regionale, prevista per mercoledì prossimo.

Si è tenuta, infatti, nel pomeriggio di ieri presso l’assessorato al Lavoro della Regione Puglia la riunione della cabina di regia sulla vertenza Natuzzi.

Erano presenti l’assessore Sebastiano Leo, il presidente della Task Force Lavoro Leo Caroli, i componenti della Task Force prof. Pirro e avv. Di Schiena, il sindaco di Santeramo in Colle Michele D’Ambrosio e i rappresentanti sindacali e le RSU Filca Cisl, Feneal Uil e Fillea Cgil di Puglia e Basilicata.

L’azienda non ha ritenuto di partecipare al tavolo.

I sindacati hanno confermato la richiesta della Cassa Integrazione in deroga, ritenendo tale strumento utile per supportare un piano industriale per la Natuzzi, considerati pure i risultati provocati dal piano di incentivazione all’esodo volontario.

Le parti convenute, accogliendo l’invito dell’Assessore al Lavoro Sebastiano Leo, hanno fatto appello alla Natuzzi affinché riprenda il confronto per la soluzione condivisa della situazione di crisi.

A tal fine, la riunione della cabina di regia è stata aggiornata al prossimo venerdi 21, alle ore 9.30, presso l’Assessorato al Lavoro (via Corigliano – Z.I. Bari).

Nel frattempo, le organizzazioni sindacali si sono impegnate a non intraprendere azioni di lotta tali da ostacolare il normale svolgimento delle attività produttive, sino alla riunione programmata.

Nessun commento

Commenta l'articolo