Volley, la New Mater allunga la serie playoff. Bergamo battuta 3-1

0

LA New Mater c’è e interrompe il ciclo di sconfitte contro Bergamo (3 nelle ultime 3) portando la serie di semifinale a Gara4. Con una prestazione di grande intensità e concentrazione Cazzaniga e soci sono riusciti a far loro il match contro un avversario rivelatosi ancora una volta tostissimo. Attacco (58%) con pochi errori , tanti tocchi a muro e tanta difesa alla fine hanno avuto ragione del gioco della Caloni sostenuto sempre da un servizio importante ma che questa sera non è bastato. Stupendo il duello fra opposti fra Cazzaniga (22 punti col 54%) e Hoogendoorn (25 col 48%). Benissimo come al solito Moreira (20 col 60%) con Canuto autore insieme a Cavaccini di una superba prova difensiva.

LA PARTITA

Formazioni annunciate con Cioffi per Bergamo che è in campo al posto dell’indisponibile Luppi. Marsili è un fattore per gli ospiti al servizio, suo l’ace del 3-5; tiene bene la ricezione ospite e consente un altro break , 7-10. La battuta di erraro arriva a scardinare la ricezione di De Angelis e la Bcc si rimette in carreggiata col muro e con Cazzaniga, 15-13.

Moreira allunga per la Bcc grazie al buon servizio di Canuto, 19-16; Ferraro si fa trovare pronto aul primo tempo che costringe Graziosi a chiamare il secondo time, 22-19.

Bergamo non incide e la Bcc si porta a casa il set con l’errore di Cavuto, 25-22.

Cazzaniga fa vedere grandi numeri per il 5-3 con Hoogendoorn che manda malamente fuori il successivo pallonetto. La partita resta però aperta e fonda i propri risultati; Pierotti bene per gli ospiti poi è il turno di Moreira che costringe alla ricezione lunga ed ai punti diretti di Ferraro e Canuto, 14-11. Cambio palla e Hoogendoorn e Cavuto ritrovano il pari a 14. Arriva sul 19-18 il secondo tempo discrezionale per gli ospiti con Graziosi che ci vuole parlare su. C’è Scio alla battut a ma CAzzaniga spreca il punto del break e anche Ferraro bissa l’errore . Il muro di Hoogendoorn manda a +2 gli ospiti e chiama Lorizio al timeout, 19-21.

La New Mater di infuria per una doppia chiara non rilevata dagli arbitri ma il pareggio arriva sull’errore di Hoogendorn bissato da Cavuto che regala il set ball a Castellana che non spreca perchè la ricezione abbondante bergmasca sulla battuta di Ferraro consente a Canuto il rigore che manda 2-0 la Bcc, (25-23).

Il terzo set non si discosta dai canoni dei set precedenti; i bianchi prendono un break di vantaggio subito annullato con l’errore dell’olandese ospite, 5-5.  Si prosegue con le squadre a lottare come leoni punto a punto come se non ci fosse un domani, 13-13.

Hoogeendorn concretizza il contrattacco del 13-15 ma la Bcc resta agganciata come una mosca agli zebedei, 17 pari. E’ uno stillicidio, la palla di un filo out di Cazzaniga ed il successivo block di Jovanoivic spingono gli ospiti, 19-22; sempre l’opposto olandese ospite si guadagna il set ball, 21-24. Non riesce ad sfruttare il contrattacco la New Mater con la palla che beffa Moreira danzando sul nastro e la gara si allunga, 22-25.

Ferraro apre le danze e Canuto lo imita in attacco, 2-0 in un set che potrebbe diventare un macigno.. Cioffi rimette le cose a posto dai nove metri, 2-2 , e servono le mani a muro di Cazzaniga per spingere di nuovo avanti la Bcc, 7-5. Due prodezze di Hoogendoorn riacciuffano la nuova parità , 9-9.  L’olandese è il vero trascinatore di Bergamo , sue le palle più difficili , pochi gli errori.  Il flash di Moreira su Hoogeendorn accende gli animi degli ospiti che hanno una reazione che costa il doppio rosso alle formazioni, 15-12.

Si riprende dopo qualche minuto ed il time out di Bergamo; la Bcc allunga dopo un paio di azioni di mera confusione, 17-12.

Entra Marsili per il più nervoso di tutti Jovanovic, e Cazzaniga mette il punto 19 in terra.

Cazzaniga costringe all’ultimo timeout Graziosi, 21-15; CAzzaniga vuole conquistarsi a suon di bolidi il titolo di Mvp e lo fa con un lungolinea dai 5 metri di classe immensa, 23-14. La Caloni non ne ha più , sbaglia gli ultimi due palloni e la Bcc allunga la serie , 25-15, e vola a Bergamo per la mission impossible di chiudere la semifinale al Palagrotte.

LE DICHIARAZIONI

Mimmo Cavaccini (Castellana Grotte) ” Volevamo la vittoria a tutti i costi perchè non volevamo chiudere qui con una sconfitta; abbiamo allungato la serie ed ora ci giocheremo tutto sabato sera. Anche stasera il livello di gioco è stato molto alto e credo sarà una bella battaglia fino alla fine, sperando di riuscire a tornare al Palagrotte per la bella.”

Gianluca Preziosi (Bergamo): “Per vincere qui due volte consecutive bisogna essere fortissimi. Ci serviva un pochino più di lucidità e attenzione ma direi che perdere qua è quasi normale; certo Luppi ci manca ma preferisco parlare di chi è sceso in campo. Sabato vincerà chi giocherà meglio, noi ci proveremo.”

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo