Volley, l’Exprivia ND Molfetta si aggiudica il Memorial Liguori

0

Prosdegue senza intoppi e con una buona determinazione, la marcia di avvicinamento della Pallavolo Molfetta al prossimo massimo campionato di serie A1 maschile di pallavolo.

Battuta nuovamente la Domar Matera, questa volta per tre set ad uno. L’Exprivia Neldiritto Molfetta si è aggiudicata ieri, il 3°Memorial “Gigi Liguori” nella bellissima cornice del PalaErcole di Policoro (Mt). Mattatore della serata è stato il laterale spagnolo biancorosso Sergio Noda Blanco, autore di 15 punti insieme ad una ricezione che, in termini di percentuale, fa ben sperare per il prosieguo e per l’inizio della Superlega fissato per il 19 Ottobre prossimo. In doppia cifra, in tema di punti, per gli uomini allenati da Vincenzo Di Pinto anche il centrale Candellaro (10 pt totali, buona la prestazione del centrale che mette a segno 4 muri punto) e di Alen Sket con 14 punti (4 dei quali a muro) e un 53% in attacco niente male per essere ancora in fase di preparazione.

Si lavora tanto al PalaPoli in settimana, e i risultati in campo certamente si vedono. Seppur amichevole, il confronto con la Domar Matera, che si appresta a disputare il prossimo campionato di A2, è stato alla pari. I biancoblu di Vincenzo Mastrangelo si sono aggiudicati, infatti, il primo set. Un parziale giocato a testa alta sino alle battute finali con l’allungo dei biancoblu grazie ai punti di Villena e Cernic. Nel set successivo fa la voce grossa ancora Matera, poi, dopo il cambio in regia di Molfetta, riparte la rimonta dei biancorossi che si aggiudicheranno poi tutti gli altri parziali.

Si doveva giocare bene a pallavolo e lo si è fatto. Questo l’obiettivo dell’Exprivia Neldiritto Molfetta che Sabato 26 Settembre giocherà un’altra amichevole, contro l’Ortona, presso il PalaSport di Via Giovanni XXIII nella città abruzzese.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo