Xiaomi, il Fitness Tracker economico che non ti aspetti

0

I prezzi dei Fitness Tracker attualmente sul mercato fluttuano tra i 200 ed i 400 euro, solo Xiaomi si oppone con i suoi MiBand. Dopo il successo della prima serie, divenuta un best-seller, Xiaomi presenta un nuovo MiBand 2 da 36 euro che si candida a diventare il più economico Fitness Tracker con sensore cardio PPG integrato.

Il nuovo MiBand 2 come il suo predecessore non è solo un Tracker, ma è anche un dispositivo consigliato se si vuole un sistema semplice ed economico, dotato di display OLED da mezzo pollice per la visualizzazione delle notifiche ed avere l’ora, consente di lasciare lo smartphone in tasca e ricezione via Bluetooth. Lo schermo si attiva con una rotazione del polso (disattivabile per aumentare la durata della batteria), volendo, oppure con un tap sulla quella zona circolare. Dall’app Mi Fit è possibile decidere cosa mostrare (passi, distanza, calorie, cardio, batteria).

Utilizzabile come dispositivo attendibile per lo Smart Lock, è inoltre compatibile con app di terze parti è in grado di inviare dati ad app come Google Fit e S Health di Samsung e permette di attivare un monitoraggio continuo durante le ore di sonno, anche se di fatto, i dati non sono visibili.

La verifica della frequenza cardiaca si ottiene sia con un tap sul pulsante a cerchio chiaramente distinguibile sul display sia dall’app, a patto di avere un contatto davvero stabile con il polso. Durante una corsa in bicicletta di 20 chilometri fatta con MiBand 2 ed una fascia cardio e tutte le verifiche effettuate erano perfettamente coerenti con entrambi i dispositivi.

Riepilogando, quindi:

Confezione e contenuto

Dotazione è completa di cavo USB che consente la ricarica tramite porta USB o tramite alimentatore con porta USB.

Materiali e Qualità

Per essere un Fitness Tracker economico c’è da dire che i materiali utilizzati sono di qualità e solidità decisamente sopra la media anche paragonato ai suoi predecessori MiBand 1 e Miband 1S. Anche questa versione, come la precedente, risulta impermeabile ai liquidi.

Display

OLED da mezzo pollice permette la chiara e corretta visualizzazione di tutte le informazioni fornite dal dispositivo. Lo schermo è sempre ben leggibile, anche se si consiglia l’applicazione di una pellicola protettiva per evitare i graffi.

Batteria

Dopo due mesi di test possiamo dire che regolando opportunamente i sensori è possibile arrivare ad una autonomia molto più che accettabile di 15 – 20 giorni ed un ciclo di ricarica si completa nel giro di un’ora abbondante.

Giudizio Globale

Il prezzo è di circa 50€, ma è sceso rapidamente dopo la sua uscita a giugno, quindi è possibile acquistarlo su internet per circa 20€, e viste le funzioni fornite si può tranquillamente dire che il rapporto qualità-prezzo fa di questo dispositivo un prodotto molto più che appetibile.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.