Ancora Xylella. Negro: “Servono azioni concrete per i vivaisti”

0

In questi giorni la Regione sta notificando ai vivaisti della provincia di Lecce un’ordinanza che prevede il divieto di movimentare vegetali di propagazione e di impiantare individui ospiti della Xylella fastidiosa, il batterio che causa il “complesso del disseccamento rapido dell’olivo” e che sta ponendo in una situazione di estrema difficoltà l’agricoltura della Puglia. L’ordinanza riporta un lungo elenco di piante, non solo l’ulivo ma anche molti alberi da frutta richiesti dal mercato che potrebbero ospitare il batterio killer, determinando, di fatto, la chiusura di tutte le aziende vivaistiche.

“Il divieto per i vivaisti della provincia di Lecce di movimentare vegetali di propagazione della xylella fastidiosa equivale alla chiusura di tutte le attività, con gravi conseguenze sul piano occupazionale – ha affermato il presidente del Gruppo regionale Udc, Salvatore Negro – La Regione Puglia deve mettere in atto in tempi brevi azioni concrete a sostegno dell’attività vivaistica nel Salento”. “Un vero dramma – ha proseguito Negro – nella già difficile situazione di crisi della provincia salentina e della Puglia. Ma se da una parte è necessario che la Regione metta in atto tutte le azioni per chiedere al Governo centrale lo stato di calamità naturale, dall’altra è necessario anche dare corso a un immediato risarcimento attraverso i fondi già stanziati dal Consiglio regionale reperire fondi per un ristoro immediato perché è evidente che i vivaisti e i loro dipendenti, non possono attendere il lungo tempo della burocrazia per un eventuale risarcimento”.

Nei prossimi giorni il Gruppo Udc presenterà ulteriori azioni di sostegno per questa categoria quali l’esonero della tassa automobilistica sui mezzi intestati alle aziende vivaistiche, inoltre solleciterà il Governo regionale a sensibilizzare i Comuni, nel cui territorio sono presenti queste aziende, chiedendo di sospendere temporaneamente i tributi locali.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo