Rimbamband, cinque suonatori sognatori al Teatro Verdi di Brindisi

0

Fuori programma sabato 17 marzo al Teatro Verdi l’esilarante show della band pugliese che mescola note e comicità: ogni brano diventa la chiave di accesso a un mondo fantasioso e senza confini, nel quale la musica si intreccia con gag, scherzi surreali, microscenette, parodie, citazioni cinefile e rimandi a big della comicità di tutti i tempi, come Jerry Lewis e Charlie Chaplin. Vivamente consigliato a un pubblico “da 0 a 99 anni”.

La Rimbamband approda al Teatro Verdi di Brindisi. L’appuntamento con il geniale e irriverente gruppo pugliese di suonatori sognatori è per sabato 17 marzo, alle ore 20.30. Sul palcoscenico «Il meglio di», un mix di comicità strampalata e nonsense, tra canzoni, note e rumori: surreale e poetica l’atmosfera, esilarante il gioco dei contrasti fra i personaggi, travolgente l’energia in uno spettacolo unico, che nasce dalle altre esibizioni e le riassume un po’ tutte.

La Rimbamband è un eclettico quintetto di artisti che attraverso la musica, le parole e la mimica del corpo, crea esilaranti personaggi e trasmette un’energia travolgente fatta di note e poesia. Si definiscono musicisti, suonatori e sognatori e il loro progetto, arricchito da strumenti come pianoforte, contrabbasso, sassofono, rullante e megafono, può essere definito un teatro comico-musicale. A Brindisi presenteranno uno show che comprende e attraversa «Il meglio di» spettacoli collaudati in anni di tournée, in cui il pubblico si divertirà a vederli giocare; con i testi e le note di artisti celebri come BuscaglioneCarosoneGaber, ironizzando su opere di Mozart o Rossini, alternate a divertenti gag ispirate a Jerry LewisCharlie Chaplin e Jacques Lecoq riproposte con gli immancabili accenti di «pugliesità».

“Cinque straordinari musicisti un po’ suonati che incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano… giocano. Il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile. Una formazione eclettica, frizzante, folle, bizzarra, gustosa e scatenata che diverte e si diverte grazie al vivido sapore ironico delle sue interpretazioni musicali più che originali, in uno spettacolo che “usa” la musica per viaggiare anche al di là di essa. Rimbambini cresciuti a pane, swing e fantasia”.

Così si descrivono i componenti della Rimbamband (Raffaello TulloRenato CiardoVittorio BrunoNicolò Pantaleo e Francesco Pagliarulo), un profilo che rispecchia perfettamente la realtà.

La Rimbamband mixa tutti i linguaggi possibili dell’arte e dello spettacolo: musica, mimo, clown, tip tap, teatro di figura, rumorismo, fantasia teatrale, parodie. Il tutto mixato con un ritmo comico incalzante e servito con energia incontenibile da un ensemble sorprendente. Raffaello Tullo balla il tip tap, suona, canta. Poi c’è Renato Ciardo: suona una strana batteria, ha una testa enorme e uno spiccato accento barese. E che dire di Vittorio Bruno? Suona il contrabbasso ma non ha ancora ben capito chi è e da dove viene. Anima swing come poche, stralunato a volte, osservatore raffinatissimo altre. C’è anche un sassofonista: Nicolò Pantaleo, anima talentuosa, gentile, matematica, quadrata. E poi c’è “il rosso”, Francesco Pagliarulo, pianista virtuoso: anima delicata, fragile e onesta, con il ragtime nelle vene.

La Rimbamband, oltre alla sua attività dal vivo che l’ha portata in tutta Italia, compresi teatri importanti, ha partecipato negli anni a molte trasmissioni televisive e radiofoniche. Dunque, uno spettacolo da non perdere che mette cinque raffinati musicisti al servizio di una comicità irresistibile.

Si comincia alle ore 20.30

Durata spettacolo: 90 minuti senza intervallo

Prezzi: 15 euro (primo settore); 12 euro (secondo settore); 10 euro (galleria)

Ragazzi under 25 anni: 8 euro (in tutti i settori)

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.