Questo agosto caldo e affollato riserva diverse cose interessanti da fare e da vedere a Barletta. La città si riempie di turisti (pochi) e di parenti emigrati che tornano a rinvigorire le piazze e i giardini del Castello. Dislocati per il centro storico i barettini e i locali riempiono le strade anche di musica, oltre che di decine di tavolini. Ognuno organizza piccoli concerti live e serate di degustazioni in una passeggiata che prosegue lungo le mura del Castello Svevo.

1. Cinema all’aperto

Nei giardini del Castello, ad esempio, si può scegliere la serata di Cinema all’aperto che per tutto il mese offre pellicole interessanti per tutti i gusti. Il programma è disponibile sul sito del Comune.

2. Serate danzanti

Se il Cinema in una Piazza d’Armi sotto le stelle non basta, si può proseguire il passeggio ancora più in là, verso la Litoranea Pietro Mennea, riviera di Ponente, dove i lidi balneari nei loro serali offrono serate danzanti e musicali per i più giovani e per le famiglie: ancora musica con dj di rilievo anche nazionale, ma anche karaoke o semplice sottofondo per una cena in riva al mare.

3. Attività sportive

Da vedere a Barletta ma soprattutto da praticare nonostante le temperature: le attività sportive sono diverse e per tutti i gusti. Nelle vicinanze del Porto si può sostare presso gli spazi messi a disposizione per il BOB Summer Days, dove BOB sta per Basket on The Beach che quest’anno ha raggiunto la sua undicesima edizione e che a luglio ha dato ossigeno a diversi tornei sportivi di beach soccer, beach volley ed anche corsi di pilates, danze caraibiche, fitness, tiro con l’arco, scacchi. La tornata sportiva, terminata con una colonia sportiva estiva per bimbi tra i 5 e i 13 anni, ha lasciato quegli stessi spazi fruibili da tutti per sostare e gustare un bibita fresca e magari provare a fare un canestro in compagnia. Uno spicchio di litoranea rivitalizzato grazie allo sport e alla cultura del saper fare.

Data da segnare per un salto al BOB Summer Days: 25 agosto, FreakOut Blues Festival, ore 20,30.

4. Risate d’Estate con il cabaret

Per farsi due risate l’agosto bianco-rosso prosegue con spettacoli di cabaret anche in vernacolo barlettano.

5. Canne della Battaglia

Per concludere, spazio alla cultura e la storia. Quest’anno, finalmente, da vedere a Barletta, un’Estate a Canne della Battaglia, con eventi all’Antiquarium e al Parco Archeologico incastrati intorno alla data del 2 agosto, quando nel 216 a.C.  Annibale Barca portò Roma ad una delle sue sconfitte più sanguinose e ricordate nella storia militare mondiale: più di 80.000 soldati falcidiati sulla piana di Canne. Ancor oggi la famosa “manovra  a tenaglia di Annibale” trova la sua collocazione tecnica e strategica nei manuali di tattica bellica delle più accreditate Accademie militari nazionali ed internazionali. Per i collezionisti  e gli appassionati di filatelia storica, in occasione del 2234° anniversario della Battaglia di Canne e su diretta richiesta del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia quale riconosciuta organizzazione di volontariato attiva nei Beni Culturali e Turismo dal 1953 (in stretta collaborazione con Archeoclub d’Italia Onlus Sede di Canne della Battaglia-Barletta ed Archivio di Stato Sede di Barletta), gli amatori hanno potuto godere dell’omaggio reso da Poste Italiane: la diffusione dello speciale annullo filatelico commemorativo figurato su cartolina celebrativa riproducente  l’immagine originale realizzata dall’artista barlettano Biagio Vinella (1911-1965) nel 1960 per la prima targhetta postale voluta dalla neonata Pro Loco di Barletta a fini di promozione turistica della città e del Territorio.

Ma fino a fine agosto ed anche per il mese di settembre le iniziative sotto le stelle di canne della Battaglia si susseguono tra Archeoaperitivi, serate di osservazione e divulgazione astronomica, laboratori didattici per bimbi, spettacoli, e visite guidate.

6. La Madonna della Sfida

I riti religiosi tanto cari al Sud Italia anche a Barletta e in estate hanno la loro collocazione con la solennità di Maria Santissima Assunta il 15 Agosto, giorno preparato nei tre giorni precedenti (il triduo). E’ dalla fondazione della Città che i barlettani pregano la Madonna in questo giorno, nella stessa Concattedrale dedicata a “Santa Maria”. Fu poi Federico II che nel dicembre del 1234 conferì alla Città il privilegio per la fiera dell’Assunta, da tenersi per otto giorni (dall’otto al quindici agosto). E fu dinanzi alla preziosa tavola del XIV sec. che nel 1503 i tredici cavalieri della “disfida di Barletta” vennero a cantare il Te Deum (inno di ringraziamento per eccellenza): da quell’anno la tavola della Madonna dell’Assunta viene chiama anche “Madonna della Sfida”.

Per le feste di ferragosto nelle serate dal 12 al 16 agosto, devoti e curiosi possono salutare la Madonna della Sfida in Concattedrale e godersi le iniziative popolari nel quartiere di Santa Maria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.