“Al Bano ama Loredana, con Romina c’è la carriera”. Parla l’amica di famiglia

4

150 chilometri separano la mia città da Cellino San Marco, paese in provincia di Brindisi, regno indiscusso di un simbolo immortale della Puglia e dei suoi colori musicali. Qui è dove ha origine il mito di Al Bano Carrisi, accompagnato da 50 anni di carriera e da un eterno ritorno alla ribalta. Vuoi per i Sanremo, vuoi per le clip e le ospitate nei film e nei programmi, vuoi per un po’ di mondanità, ed anche per merito del mitico Checco Zalone.

Il re degli incassi cinematografici apre in Quo Vado la parentesi della nostalgia per l’Italia, con il ritorno di fiamma tra Al Bano e Romina sui palcoscenici.

Ma Cellino non è solo la terra in cui è nato l’artista, ma è anche l’isola di culto in cui prendono vita le Tenute Carrisi, una distesa immensa di terra, tra ulivi, ristorante Don Carmelo (come il papà), SPA, hotel  e molto altro. Non passa inosservato Carrisiland, parco giochi a tema Felicità.

Ammirato il bellissimo “santuario” stavo per lasciare le tenute, sconsolato dal fatto che il cantante fosse in tournee. Ma la fortuna aiuta gli audaci e tutt’un tratto si palesa davanti, uscendo dall’abitazione di Carrisi, una signora sorridente. Si presenta: “Sono Angela Franchini”, fa l’avvocato ed è di Matera. Ribadendomi che il padrone di questo fantastico castello fosse fuori, mi fa: “Scusa ma perché non dai a me la possibilità di dire qualcosa circa la faccenda di Al Bano?” Prego.

Allora Avvocato Franchini, che ci fa a casa del Re delle Puglie?

“Intanto diamoci del tu. Io sono la Presidente di una associazione anti-usura dal 2010 e collaboro con associazioni di settore dal ‘98, e ho conosciuto Al Bano ad un concerto a Bari sul tema. Il 28 Aprile 2012 l’ho visto per la prima volta dal vivo, poi si recò a Matera nei mesi successivi per la presentazione di un libro e da lì abbiamo intessuto uno scambio di battute.”

Le Tenute quindi non le conoscevi.

“Ci andai due mesi dopo come ospite, fui accolta dal suo segretario perché lui rientrava da Milano, aveva una cena con Agapov (noto impresario russo che nel 2013 ha rimesso assieme artisticamente Al Bano e Romina, e si vocifera sia anche in procinto di girare un film, ndr). Eravamo a luglio 2012, lui appena arrivò mi invitò tra suoi ospiti e lì scattò la simpatia. Dopodiché i miei figli si conobbero con i suoi, ed ad un certo punto mi aprì le porte di casa sua.”

E poi?

“Poi a ruota questo rapporto si è intensificato, Yasmine e Al Bano Junior hanno coltivato questa amicizia con i miei ragazzi, e io che li seguivo, ho iniziato ad essere abitualmente ospite di Al Bano. A dicembre di quell’anno passai la  vigilia di Natale con loro, ed ebbi lì il piacere di conoscere Loredana (Lecciso, ndr).”

Sei entrata in famiglia, dunque.

“Sì, anche quando non c’erano loro, io ero qui a sbrigare faccende. Al punto che, in un certo momento, ho preso carico della sua ‘posta del cuore’. Faccio la ghostwriter, filtro le comunicazioni, e poi affronto una tematica particolare.”

Ovvero?

“Al Bano viene vissuto come l’ultima spiaggia, da lui cercano spesso aiuti economici. Alcuni recitano: ‘Abbiamo scritto al Papa, abbiamo scritto al Presidente della Repubblica, nessuno mi ha risposto e chiediamo a Te.’ Come se vedessero in lui una salvezza, una risorsa della Patria.”

Sai, il personaggio caldo, del Sud, magari ispira più di una finanziaria.

“Ti dirò guarda, una buona metà delle lettere che riceve hanno questo per oggetto, e non solo, mettono già l’IBAN! Da qui si evidenzia uno spaccato dell’Italia, una crisi pazzesca, e non è un caso forse che si parli di lui per eventuali impegni politici. Viene già visto con un animo sociale.”

Altre chicche da queste missive?

“Beh, il resto sono apprezzamenti. Di qualsiasi tipo, sull’artista, sul cantante e sull’uomo.”

E questo tuo impegno fiduciario, basta a giustificare la tua costante presenza qui?

“Si  è creato un affiatamento speciale. E posso assicurarti, che quello che si legge sui giornali è tutto inventato, io ne sono la prova vivente, se lui avesse voluto avrebbe potuto creare una relazione con me, e io con lui, e invece è assolutamente un buon amico. Non tradisce mai la fiducia nella compagna e dei figli.”

Quindi questo per sconfessare i chiacchiericci su sue altre probabili relazioni?

“Esattamente. Andiamo proprio al nocciolo, Romina Power tira fuori sui media un Al Bano che non è quello reale, lui è un uomo riservato nei suoi sentimenti, si chiude a riccio nel suo privato, è una persona che odia mettere in piazza il suo quotidiano, mentre lei lo tira nella ressa mediatica.”

E perché Romina farebbe tutto ciò?

“Credo, ed è un parere personale, lei rivoglia il suo posto. Questa è l’unica cosa che mi sento di dire. Loredana ha conosciuto un Al Bano ‘libero’, non si  è intromessa in nessuna relazione. Nonostante questo, evidentemente, dopo la riunione artistica, Romina ha avuto un ritorno nostalgico…”

Una Nostalgia Canaglia!

“Sì, qualcosa che l’ha riportata indietro nel tempo. Se Al Bano non avesse un’altra donna e un’altra famiglia, probabilmente non avrebbe nessun problema a ricomporre una relazione, che comunque, a mio avviso, non sarebbe più quella di un tempo. Come ricorda sempre lui: ‘Dopo tanti anni di guerre, non si torna come prima.’ Lui è prima un padre, e scommette tutto sui suoi figli.”

E perché Al Bano non spegne le polemiche? Perché non prende una posizione netta nei confronti di Romina?

“Perché non entra nelle questioni di gossip, e con Romina ci lavora. Comunque a lei è legato, almeno per quest’altro anno in cui faranno concerti assieme. Sarebbe brutto anche nei confronti dei fan, parole sue: ‘Siamo passati da una fase di scontri, ad una d’incontri.’ Dopo vent’anni di litigi finalmente c’è dialogo, ed anche Loredana, ha bisogno di tranquillità.”

E la Lecciso come vive tutto ciò?

“È una donna dotata di molta intelligenza, e all’inizio ha accettato di buon grado tutto ciò. La mortifica la volontà di Romina di farla passare per la parte debole, fragile, che non ha presa sul suo uomo. Qualunque donna ne sarebbe ferita. Dopo 18 anni Loredana non è una comparsa, è il quotidiano ed il presente, di Al Bano.

Loredana ha sempre fatto appelli per la famiglia allargata, lei ha dichiarato che lui avrebbe potuto avere dieci ex mogli, l’importante è che non si superi la soglia di rispetto.”

Senti ma è vero che questo sarà il suo ultimo anno nei Live, oppure è la solita trovata per tirare la volata ai biglietti?

“Lui ama la musica più di ogni altra cosa, è il suo primo amore vero. Quando è stato in Ospedale, non vedeva l’ora di uscire per andare a cantare. Sembrava di stare nel camerino di un teatro, strapieno di gente dello spettacolo che veniva a trovarlo ed incitarlo.

Quindi per lui, lasciare la musica, è un dolore enorme. Ma se lo sta facendo è perché deve dare anche al suo corpo un po’ di respiro. In questi sei anni, da quando lo conosco, non ha mai fatto una vacanza.

Si occuperà dei suoi vini, è un vero intenditore, mi ha insegnato come abbinare i bicchieri.”

Questa intervista per lui sarà una sorpresa, come la prenderà Al Bano?

“Sarà stupito, io non sono mai uscita pubblicamente. Ho voluto parlare per chiarire la mia posizione, perché stavano montando voci strane e le malelingue cominciavano a strisciare. Per cui ci tenevo a precisare la natura del nostro affetto, sono una cara amica di Al Bano, Loredana e dei ragazzi, e spero che si possa continuare così per sempre.”

4 Commenti

Commenta l'articolo