Bari, 4 ore di Consiglio comunale per una delibera. Le accuse di Pasquale Di Rella

0

Voglia di lavorare, saltami addosso. Potrebbe essere questo, per qualcuno, il leitmotiv della maggioranza al Consiglio Comunale di Bari. Almeno stando a sentire le accuse di scarsa propensione al lavoro – formulate dall’ex Presidente del Consiglio Comunale, Pasquale Di Rella, ed alla base delle sue dimissioni dalla carica.

La seduta ‘ordinaria’ di ieri, infatti, è durata poco più di quattro ore ed è servita esclusivamente ad approvare la nomina del nuovo Collegio dei Revisori dei Conti.

I 75 punti iscritti all’ordine del giorno dei lavori non sono stati nemmeno sfiorati e i molteplici problemi dei cittadini baresi continuano a non destare l’attenzione di politici in tutt’altre faccende affaccendati.

“Attendiamo – ha sottolineato Di Rella – la convocazione della prossima Conferenza dei Capigruppo, promessa ben dodici giorni or sono dal Presidente Cavone nel suo discorso di insediamento, per verificare quante sedute consiliari saranno convocate nel mese di febbraio e quante ore di ‘lavoro’ si vorranno dedicare ad una città sempre più abbandonata a sé stessa”.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Rispondi