Arriva a Bari “Wired Digital Day”, si parla di innovazione, attrazione investimenti e start-up

0

Torna a Bari il Wired Digital Day, evento con l’obiettivo di raccontare come il digitale e la ricerca tecnologica e scientifica stiano trasformando il mondo dell’imprenditoria e favorendo lo sviluppo di nuove competenze. Appuntamento per venerdì 1 febbraio, al Teatro Margherita, dalle 9.30 alle 15.30.

La manifestazione, ricca di incontri dedicati al mondo degli imprenditori e dei liberi professionisti, degli investitori, delle istituzioni e degli studenti è ad ingresso libero su registrazione. Per la seconda volta nel Mezzogiorno, il Wired Digital Day è promosso da Regione Puglia e dalla sua società in house Puglia Sviluppo e realizzato da Wired Italia, brand Condé Nast sinonimo di innovazione, tecnologia e ricerca.

Indietro

1. Una giornata sulle politiche regionali su innovazione e attrazione investimenti

Per la Regione l’occasione di mostrare ancora una volta l’attenzione delle proprie politiche d’innovazione. Il focus della giornata sarà sull’impatto positivo delle politiche regionali in materia di innovazione e di attrazione degli investimenti: aerospazio e space economy, healthcare e biotecnologie, big data e agenda digitale, meccatronica e automotive, moda e design.

“La Regione Puglia – sottolinea il presidente Michele Emiliano – ha fatto dell’innovazione un pilastro delle sue politiche, prima credendoci, poi volendola, infine realizzandola attraverso la sua politica industriale. Aerospazio, biotecnologie, meccatronica, Ict, design sono diventati temi in cui la nostra regione dà un contributo rilevante all’Italia. Oggi le imprese pugliesi non si limitano a costruire, ma progettano e poi realizzano. Così competono con il mondo. Ospitiamo, per il secondo anno consecutivo, un evento come il Wired Digital Day proprio perché possiamo raccontare un futuro di cui siamo parte attiva. Lo scalo di Grottaglie sarà il primo spazioporto italiano in una Puglia che incide sulla quota nazionale delle esportazioni aerospaziali per l’11,5%, nel 2009 non arrivava al 5. La meccatronica made in Puglia ha realizzato dispositivi che oggi sono leader nel mondo, i progetti di ricerca delle nostre Università e del Politecnico nell’healtcare,  nell’automotive, nell’Ict, nel design, non solo hanno agganciato il futuro ma stanno contribuendo a ridisegnarlo”.

La Puglia con questi investendo in ricerca e sviluppo oltre ad aumentare l’incidenza dei settori altamente innovativi sul valore delle esportazioni, è diventata attrattiva per gli investimenti esteri. Su questo aspetto ha voluto soffermarsi anche l’assessore allo Sviluppo economico Cosimo Borraccino: “Gruppi esteri hanno investito in Puglia quasi 500 milioni di euro. L’importo dei progetti ha già superato di 71 milioni la performance del vecchio ciclo. E non si tratta solo di grandi imprese. TecnoNidi, uno strumento pensato per le start up tecnologiche, ha mostrato, in poco più di un anno, un forte potenziale di attrattività anche per piccole imprese innovative provenienti da altre regioni. In Puglia le imprese di ogni dimensione trovano strumenti di agevolazione ma anche un vero e proprio ecosistema della ricerca e dell’innovazione. Questi due elementi insieme fanno la differenza”.

“Siamo in una fase storica nella quale è necessario puntare sull’innovazione per uscire definitivamente dalla crisi economica e per aumentare la competitività in una sfida globale su tutti i fronti. La Puglia è una regione che con le sue eccellenze umane, industriali e accademiche è pronta a raccogliere questa sfida. Il Wired Digital Day è un appuntamento con cui vogliamo mettere in contatto le esperienze locali con quelle del resto d’Italia e internazionali per contribuire a quel laboratorio di idee virtuose che è la Puglia”, dice Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.