Sarà una domenica di protesta #notriv con flashmob lungo tutto l’Adriatico

0

Trivelle nel mare Adriatico: il popolo del “No” si mobilita con iniziative lungo la dorsale adriatica. Domenica 8 aprile sono stati, infatti, organizzati dagli attivisti di diverse associazioni otto flash-mob in cinque regioni adriatiche, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia.

L’iniziativa – informa una nota – è stata decisa “per dire no alla deriva petrolifera e ai progetti di prospezione con air gun” approvati dal ministero dell’Ambiente e in via di autorizzazione definitiva da parte del Ministero dello Sviluppo Economico. Gli ambientalisti, dopo l’esito sfavorevole dei ricorsi al Consiglio di Stato, rilanciano quindi la lotta con un evento che si terrà in contemporanea in Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia con appuntamenti a Rimini, Ancona, S.Benedetto del Tronto, Giulianova, Pescara, Vasto, Termoli e Bari”.

“L’air gun – viene evidenziato – è una tecnica di ricerca di idrocarburi estremamente dannosa per la fauna marina, come dimostrato da decine di studi, a partire dagli effetti negativi su cetacei, pesci e tartarughe. Uno dei più recenti ha confermato che durante le violente esplosioni di aria compressa si aprono “buchi” di zooplancton, la base della catena alimentare del mare, a destra e a sinistra per 1,2 km”.

Dopo l’esito negativo dei ricorsi al Consiglio di Stato contro il parere di VIA del Ministero dell’ambiente favorevole alle ricerche con aria compressa, diverse associazioni rilanciano la battaglia pacifica ambientalista con eventi in contemporanea lungo tutto l’Adriatico. Tra mattina e pomeriggio, raduni, incontri, passeggiate e “biciclettate”, nel capoluogo pugliese, a Termoli, Vasto, Pescara, Giulianova, San Benedetto del Tronto, Ancona e Rimini.

A Bari l’appuntamento è sul lungomare per le ore 17:00.

Sull’argomento interviene con una nota e l’invito a partecipare Onofrio Introna, ex presidente del Consiglio Regionale. “Domenica 8 aprile, alle 17.30, ritroviamoci alla Rotonda del lungomare Nazario Sauro, a Bari, per dire “No alle trivelle in mare”. L’Adriatico è di tutti e merita un’iniziativa senza precedenti”.

“Invito i baresi e i pugliesi, pertanto, a riunirsi domenica pomeriggio sotto la ruota panoramica, per continuare a ribadire festosamente la nostra opposizione “blu” ai progetti che vogliono mettere a rischio i mari, riempiendoli di torri mostruose di metallo e prima ancora bombardando i fondali marini per verificare la presenza di giacimenti di idrocarburi”.

Questo il programma delle altre manifestazioni

Vasto, dalle 9, in bicicletta da Punta Penna a Fossacesia,

Ancona, alle 10, raduno presso la stazione Palombina,

S. Benedetto, alle 10, raduno in Piazza Giorgini,

Pescara, alle 10.30, raduno in Piazza 1 Maggio presso la Nave di Cascella,

Rimini, alle 15.30, raduno presso la Ruota Panoramica.

Bari, alle 17, alla Rotonda del Lungomare.

Giulianova, alle 17.30, in zona Lungomare Zara.

Termoli, alle 17.30, a Piazza Monumento.

Aderiscono: Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, Coordinamento Nazionale No Triv, Coordinamento No Hub del gas-Abruzzo, Greenpeace, Comitato di Quartiere Annunziata di Giulianova, Pescara 2.0, Gruppo No Triv di S.Salvo, Gruppo No Triv Terra di Bari, Trivelle Zero Marche, Trivelle Zero Molise, Associazione Ambiente e Salute nel Piceno, Rete Associazioni Tutela del Mare SOS ADRIATICO Rimini.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Rispondi