Anche in Puglia la Notte Europea dei Ricercatori

0

La “Notte Europea dei ricercatori” è un evento che ogni anno coinvolge simultaneamente ricercatori dei differenti paesi Europei. “Esplorare la scienza divertendosi”, conoscendo da vicino laboratori, ricerche, scoperte e brevetti e incontrando ricercatori e ricercatrici che spiegheranno il proprio lavoro con un linguaggio semplice e giocoso. Con l’obiettivo unico di divulgare l’amore e la passione per la scienza e le regole che, dalla natura, organizzano il nostro vivere quotidiano in maniera anche del tutto inaspettato.

E la Puglia, con Bari e Lecce, non si farà cogliere impreparata a questo appuntamento con i ricercatori.

A Bari l’appuntamento è nella suggestiva cornice del Fortino Sant’Antonio Abate dove ricercatori della Sezione di Bari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e del Dipartimento Interateneo di Fisica “M.Merlin” accoglieranno i visitatori raccontando e mostrando la scienza all’opera.

Dalle 16:00 a mezzanotte i ricercatori, i dottorandi e gli studenti di Fisica di Bari guideranno i visitatori in coinvolgenti attività intorno al mondo della fisica. I più giovani potranno toccare con mano le leggi della fisica e giocare con dei veri apparati di misura grazie al prezioso contributo della associazione Scienza Viva. Durante tutta la manifestazione i ricercatori saranno a disposizione del pubblico per rispondere alle più varie domande sulla fisica in particolare e sulla scienza in generale. È inoltre previsto uno spettacolo musicale organizzato dagli studenti del Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari La partecipazione è completamente gratuita.

La manifestazione fa parte del Progetto MADE IN SCIENCE coordinato da Frascati Scienza e finanziato dalla Commissione Europea. L’evento di Bari è realizzato con il patrocinio del Comune di Bari e dell’A.R.T.I. Puglia.

A Lecce  l’appuntamento è per venerdì 30 settembre 2016 nei chiostri del Monastero degli Olivetani (viale San Nicola, Lecce), dalle ore 18 fino a mezzanotte, per conoscere le attività di ricerca di Università del Salento, CNR, INFN, IIT e del distretto Dhitech tra stand, prototipi, video e giochi con il coinvolgimento del pubblico. Apertura straordinaria, inoltre, nel complesso Studium2000 (via di Valesio, angolo viale San Nicola), per il Musa – Museo Storico-Archeologico e per il Teatro 3D.

Nel complesso Studium2000 saranno possibili visite guidate al MUSA – Museo Storico-Archeologico, sia al percorso espositivo del Museo (a cura di G. M. Signore) sia alla mostra “Enzo Assenza, scultore discreto. Opere dagli anni Trenta agli anni Settanta” (a cura di M. Guastella). Nel vicino Teatro 3D del coordinamento SIBA si parlerà di “Archeologia, arte e scienza: esperienze in 3D” (a cura di A. Bandiera).

“Anche quest’anno vi aspettiamo all’Università: ragazzi, famiglie, cittadini, sono tutti invitati a conoscere le nostre attività di ricerca”, commenta il Rettore dell’Università del Salento VincenzoZara, che aprirà l’eventonel capoluogo salentino.

“La NottedeiRicercatori – spiega Zara – è un evento europeo di grande importanza per spiegare cosa facciamo e qual è impatto della ricerca sulla nostra vita quotidiana. Anche a Lecce e nel Salento decine di studiosi di UniSalento e degli Enti di Ricerca con i quali la collaborazione è costante lavorano quotidianamente per il progresso scientifico, tecnologico e sociale. In questa “Notte” ne parliamo da protagonisti, certi dell’importanza della divulgazione scientifica e orgogliosi dei nostri più recenti risultati. È di questi giorni, infatti, la notizia dell’approvazione di ben otto PRIN, progetti di rilevante interesse nazionale finanziati dal MIUR per migliaia di euro”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.