Audizioni oggi in Regione sullo stato della progettazione della SS 275

0

Il progetto esecutivo per la realizzazione del primo lotto relativo al tracciato che delinea il raddoppio della SS 275 Maglie-Leuca sarà ultimato entro i primi mesi del prossimo anno, mentre restano da risolvere tutti i nodi legati alla realizzazione del secondo lotto.

Questo è quanto è emerso nel corso dell’audizione che si è svolta nella Commissione trasporti ed infrastrutture presieduta da Mauro Vizzino, la cui richiesta è stata avanzata dal consigliere del Pd Sergio Blasi al fine di “capire se ci sono ancora le condizioni per vedere realizzata questa importante infrastruttura necessaria ed utile per la sicurezza dei salentini”.

Nel corso della seduta è intervenuto l’assessore regionale ai trasporti Antonio Nunziante, che ha espresso rassicurazioni in relazione all’avvio dei lavori riguardanti il primo lotto del tracciato che interessa il tratto che va da Maglie a Montesano, mentre il problema sussiste per la realizzazione del secondo lotto che termina a Santa Maria di Leuca, a seguito dell’esigenza di intervenire con un secondo progetto, considerate le criticità sollevate dagli amministratori locali del territorio interessato.

Anche il capo della progettazione di Anas a livello nazionale l’ing. Marzi, durante l’intervento ha ribadito che per la realizzazione del primo tracciato individuato si potrà procedere regolarmente tenendo conto di tutte le integrazioni apportate in sede di cabina di regia e che per il secondo e ultimo tratto della infrastruttura è necessario procedere ad una modifica del tracciato preesistente, individuandone uno nuovo che sia condiviso da tutte le parti interessate.

Alle audizioni hanno partecipato i sindaci dei Comuni ricadenti nell’area interessata al tracciato ed il presidente della Provincia di Lecce, i quali hanno espresso forti perplessità sulla realizzazione finale dell’opera infrastrutturale, considerata la mancanza di chiarezza del quadro complessivo da parte sia di Anas che della Regione Puglia.

Nel corso del dibattito sono intervenuti i consiglieri Abaterusso, Pendinelli, Casili e Amati che hanno rilevato la necessità di fare chiarezza relativamente alle competenze e responsabilità di tutti i soggetti preposti all’avanzamento dei lavori.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.