Lecce in festa, dopo 6 anni di Lega Pro ecco il giorno del ritorno in serie B

0

Tre punti servivano per sognare, per mettere fine ad un purgatorio durato sei anni. E tre punti sono arrivati. Una vittoria contro la Paganese grazie al gol di Armellino al 17′ e la Lecce del calcio può tornare a disputare il campionato di Serie B.

Una categoria che mancava da sei anni e che è stata festeggiata dagli oltre 20mila tifosi accorsi al “via del Mare” per incoraggiare i giallorossi di mister Liverani per un urlo liberatorio che, nel pomeriggio di ieri, ha coinvolto tutta la città.

Un obiettivo che la squadra salentina è riuscita a raggiungere dopo che in più occasioni ha dovuto ingoiare bocconi amari con brucianti sconfitte ai playoff.

Ma adesso Catania e Trapani restano a distanza di sicurezza in classifica e può scattare la festa giallorossa. 74 punti in classifica ed un primo posto nel suo girone di Lega Pro che ormai nessuno può toglierle.

“E’ bellissimo festeggiare il compleanno in questa maniera – ha commentato Fabio Liverani, allenatore del Lecce – era un sogno che avevo messo li qualche tempo fa. E qualche volta i sogni si realizzano. Credo che per me sia una giornata fantastica. Sono felice di aver aiutato, insieme a tutti gli altri, a riportare una città importante in un campionato importante, sapendo che c’erano tante difficoltà. Il punto di forza di tutta la stagione è stato senz’altro il gruppo. Ed ora festeggeremo tutti insieme, come è giusto che sia”.

E si preannuncia un prossimo campionato cadetto di calcio all’insegna della Puglia. Oltre al Lecce ci saranno anche Foggia e Bari (se quest’ultima non dovesse centrare la promozione nella massima serie, al momento ancora alla portata dei galletti baresi).

Dopo Padova e Livorno dunque, il Lecce è la terza squadra ad essere promossa dalla Serie C. La B ritrova una sua grande protagonista.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Rispondi