Il Bari calcio si è iscritto alla Serie D, ora è ufficiale. Ma l’obiettivo di Aurelio De Laurentiis è quello di iscrivere la squadra alla serie C. Terza serie che vive un momento drammatico con lo spauracchio della non partenza del campionato ancora a corto di compagini per completare il format a 60 squadre.

La strada è certamente impervia ma il neo patron biancorosso è deciso a percorrerla. Intanto sono giorni decisivi anche per la formazione dell’organico societario del nuovo Bari calcio. Si aspetta ancora una risposta daEdy Reja e da Filippo Galli, uomo individuato per rifondare il settore giovanile dei galletti.

Nel pre partita di Liverpool-Napoli, inoltre De Laurentiis ha parlato della situazione societaria del Bari scagliandosi contro Cosimo Sibilla, Presidente della LND. Queste le parole riportate dalla Gazzetta del Mezzogiorno: “Capisco che Bari rappresenta un’occasione di visibilità per lui e la Lega, ma la sesta tifoseria d’Italia non può partire dalla D, merita la Serie C. Siamo al lavoro per rendere competitiva la squadra che vorrei riportare presto in Serie A. Non appena formalizzeremo l’iscrizione in Serie D, faremo immediatamente la richiesta di ammissione in terza serie”.

Per il direttore sportivo circola con insistenza il nome di Matteo Laurioladal profilo sicuramente buono nel contesto della C e della D. In panchina invece sono due i nomi caldi. Si tratta di Antonio Calabro, ex Virtus Francavilla e Carpi, e Fabio Viviani, ex tecnico del Palermo e vice di Edi Reja. Ma la vera novità è Francesco Calzona, vice di Maurizio Sarri che però non ha seguito al Chelsea.

Nessun commento

Rispondi