Serie B – Polemiche e contestazioni, il Lecce lascia a casa Chiricò. Convocato Bovo

0

Cosimo Chiricò e una parte della tifoseria del Lecce. Un idillio mai nato. Anzi, una aperta contestazione per la punta giallorossa che, dopo i 13’ disputati contro la Salernitana hanno scatenato una vera e propria contestazione in casa Lecce che ha portato la società a mettere fuori rosa il calciatore “per preservare il clima di serenità e unità che è stato determinante, nell’ultimo anno, per raggiungere gli obiettivi prefissati, di non rendere disponibile il calciatore Chiricò, nella speranza che questa situazione possa essere definita nel modo migliore. Pensare di affrontare l’intero campionato di serie B (definitivamente a 19 squadre e con ben 4 retrocessioni) in un clima di profonda divisione ridurrebbe drasticamente le possibilità di raggiungere il risultato sportivo, vanificando gli sforzi compiuti da tutte le componenti fino a questo momento”.

In pratica la società indica come motivazione alla decisione di mettere fuori rosa Chiricò il suo  “improvvido diniego opposto dal suo pocuratore al trasferimento a titolo definitivo alla Ternana, che avrebbe garantito, come concordato fin dall’inizio con lo stesso agente, una rilevante plusvalenza per il club senza alcun nocumento economico per il calciatore”.

Va detto che al giocatore sono arrivate anche manifestazioni di solidarietà dimostrata da buona parte dei tifosi, che hanno disapprovato apertamente i contestatori.

La decisione della società giallorossa è stata presa dopo l’allenamento di ieri. E non ha usato mezze parole il suo procuratore Kael Grimaldi: “Sono sbalordito e disgustato. Dopo aver appreso che il presidente Saverio Sticchi Damiani e la sua famiglia sono stati oggetto di minacce per aver fatto giocare Chiricò, ci viene riferito che il giocatore è fuori rosa. Chiricò è venuto a Lecce su espressa richiesta del presidente, e non ci sarebbero stati problemi. Questi sono atteggiamenti da condannare e non certo da assecondare”.

Minacce che però sono state smentite dal Lecce con un altro comunicato. “Nessun componente della società è stato mai oggetto di minacce, intimidazioni o pressioni di alcun tipo in relazione alle note vicende inerenti il calciatore Cosimo Chiricò”.

“Al contrario – prosegue la nota – c’è stata un’unica occasione fortuita di confronto su questo tema tra il Presidente Saverio Sticchi Damiani e la tifoseria Ultras, a Martignano, in data 18 agosto, durante un allenamento (fissato dopo la mancata disputa dell’amichevole con il Nardò), alla presenza di alcuni esponenti delle forze dell’ordine, che si è svolto in modo sereno e civile e si è concluso con cori di incoraggiamento alla squadra”.

Intanto per la trasferta di Ascoli il Lecce ritrova anche l’ultimo rinforzo della squadra di Fabio Liverani, Cesare Bovo, già in passato in giallorosso, che ieri è stato ufficialmente presentato in una conferenza stampa a Lecce.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.