Trani, la Cattedrale gremita per il Gran Concerto di Capodanno

0

Una Cattedrale di Trani davvero affollata ieri sera ha accolto l’orchestra sinfonica di Capitanata diretta dal maestro Benedetto Montebello. La Fondazione S.E.C.A. ha voluto così offrire all’intera cittadinanza una serata di musica di altissimo livello, eseguita magistralmente dai 48 musicisti dell’orchestra. È stata, dunque, una serata magica, durante la quale si è respirato arte e bellezza.

Il tradizionale concerto di Capodanno, inserito nella rassegna “Sere d’incanto 2018”, è stato uno spettacolo musicale di alta qualità e molto apprezzato. Tra gli altri, erano presenti anche rappresentanti religiosi, istituzionali e delle forze dell’ordine.

Nella prima parte l’orchestra, diretta dall’eleganza e signorilità del maestro Montebello, ha eseguito prima di tutto l’Inno d’Italia di Novaro, con il pubblico che spontaneamente si alzato in piedi per ascoltarlo, in uno dei momenti più emozionanti della serata. A seguire i presenti sono stati deliziati con diversi brani di compositori armeni, russi, francesi, tedeschi e anche italiani come Gioachino Rossini. Nella seconda parte, invece, ci si è immersi nell’atmosfera viennese con i brani del genio di Johann Strauss Jr per una conclusione degna di nota. Quasi due ore di puro spettacolo dove la grande musica è stata l’assoluta protagonista.

Così anche quest’anno la Fondazione S.E.C.A. ha voluto aprire le porte della città alla bellezza e alla musica, offrendo uno spettacolo gratuito ai tantissimi che hanno gremito la Cattedrale.

Ricordiamo, inoltre, che fino al 6 gennaio presso il Polo Museale di Trani, in piazza Duomo, è possibile visitare la mostra “Presepi dal mondo”, 54 opere d’arte che raccontano la Natività attraverso la sensibilità di artisti di diversa nazionalità. Si tratta di una mostra unica nel suo genere, impossibile da non visitare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.