Bari, novità per il capodanno dei turisti con la “Guest Card”

0

Quest’anno il capodanno barese si rinnova. Qualche giorno fa si è svolta una riunione, convocata dall’assessore comunale alle Culture e Turismo Silvio Maselli (nella foto), con tutte le categorie cittadine del terziario, alla presenza dei rappresentanti di Camera di commercio, Confcommercio, ristoratori, baristi, Fiavet, Confindustria turismo e Federalberghi.

L’oggetto della riunione è stato il progetto “Bari guest card“, con cui si invitano alberghi e Bed&breakfast del capoluogo pugliese a distribuire ai turisti una card valida per 72 ore, dal 30 dicembre 2014 al 1 gennaio 2015, che consentirà di ottenere forti sconti su tutti i servizi commerciali della città e di utilizzare gratuitamente i servizi di trasporto comunali, nonché di accedere gratuitamente ai musei di proprietà pubblica e alle principali mostre in programma in quei giorni.

Il progetto è il risultato della collaborazione dell’assessorato alle culture con l’assessorato allo sviluppo economico guidato da Carla Palone. Maselli spiega di essere partito dall’idea che “Bari il prossimo capodanno possa essere meta di turisti che la scelgano per la qualità di una proposta capace di legare eventi culturali di qualità ad occasioni di shopping in un contesto urbano che non manca di bellezze naturali culturali e architettoniche. Per questo ho voluto incontrare tutti i soggetti rappresentativi del terziario, per condividere una proposta che possa farci fare un salto di qualità nella percezione dei potenziali turisti e visitatori”.

La riunione ha registrato una forte adesione che ben fa sperare nel raggiungimento dell’obbiettivo.

La città di Bari necessita di iniziative turistiche di tale spessore, soprattutto in periodi di crisi come quello che attanaglia l’Italia negli ultimi anni. Sarà sufficiente? Non è certo. I turisti bisogna innanzitutto attirarli, ed una tessera per accedere a mostre e musei non può nulla se l’offerta museale è insufficiente o non attraente.

Certo, è un buon inizio. Ma da qui bisogna ripartire per programmare 72 di divertimento ed attrazione turistica a tutto tondo.

 

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo