Vittime della Strada: qualcuno non vuole l’omicidio stradale

0

Una proposta di legge c’è, da tempo, in Parlamento. Ci sono centinaia di associazioni che si battono ogni giorni perchè venga regolamentato e disciplinato l’omicidio stradale, eppure l’iter verso una legge che punisca comportamenti criminali ed altamente pericolosi per la società sembra ancora lungo.

E qualcuno insinua il dubbio che ci siano ben forti delle lobbies che impediscono la realizzazione di questo progetto. Il tutto alla vigilia della giornata mondiale Onu per le vittime della strada, che verrà ricordata anche in Italia nella giornata di domenica prossima, 16 novembre.

“Non sono le vittime che hanno bisogno di essere ricordate, ma siamo noi, persone ed istituzioni, che abbiamo bisogno di ricordare le vittime per liberarci dai comportamenti prepotenti, omissivi e inosservanti delle norme”.

Lo sottolinea Giuseppa Cassaniti Mastrojeni, presidente dell’Associazione familiari e vittime della strada (Aifvs), alla vigilia della Giornata Mondiale Onu del ricordo delle vittime della strada che si celebra domenica 16 novembre. In occasione della ricorrenza, la presidente Cassaniti, pur sottolineando il netto decremento di incidenti mortali registrato negli ultimi anni, punta il dito sulle istituzioni e sul modo burocratico con cui affrontano gli interventi per limitare le vittime. “A impedire che la strage sia debellata del tutto – spiega – sono proprio le istituzioni, le amministrazioni, con il loro comportamento omissivo”.

“Spesso giustificano la loro inerzia e i loro mancati interventi con l’insufficienza di soldi. Ma non si possono sottomettere il proprio senso di responsabilità, la propria intelligenza, ai soldi. Le istituzioni hanno il compito di garantire la sicurezza della strada e ne debbono rispondere. Non a caso la maggior parte degli incidenti – come rilevato dall’Aci – si concentrano sempre sugli stessi tratti stradali, nei quali le amministrazioni mantengono colpevolmente le condizioni di pericolosità”.

“In Italia esistono delle vere e proprie lobbies che si oppongono all’aumento delle pene legate all’omicidio stradale“, afferma dal canto suo Gianmarco Cesari, avvocato dell’Aifvs. “Il reato di omicidio colposo stradale già esiste nel nostro ordinamento”, spiega. “Ma ha una pena che va dai due anni ai sette anni che può essere aggravata, per guida in stato di ebbrezza o alterazione sotto sostanze stupefacenti o psicotrope, fino a dieci anni o al massimo quindici”. “Ma c’è chi vuole bloccare la riforma che vuole aumentare le pene per questo reato”. “Di fatto, per ciò, ad oggi, l’omicidio commesso sulla strada è un omicidio legalizzato. Nessuno va in carcere e tutti tornano poi al volante”.

Leggi anche Giustizia per le vittime della strada

Leggi anche Omicidio stradale: ma cosa bolle in pentola

Condividi
Roberto Mastrangelo
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Commenta l'articolo