Monteiasi, sequestrati 21mila articoli nocivi per la salute pubblica

1

Negozi non conformi, potenzialmente pericolosi per la sicurezza e per il consumatore, che spesso vengono venduti a basso costo e senza controlli in grandi store soprattutto di proprietà e gestite da personale di origine cinese. Continuano le operazioni di controllo e di monitoraggio del fenomeno in tutta la Puglia.

Nel mirino dei Finanzieri della Compagnia di Martina Franca è finita un’attività commerciale con sede a Monteiasi (TA), gestita da un cittadino di nazionalità cinese.

I militari hanno rinvenuto all’interno del negozio 21.000 pezzi fra articoli di bigiotteria e di cosmesi, quali orecchini, bracciali, collane, fermacapelli, perle ed unghie artificiali sintetiche di varia tipologia, sprovvisti delle attestazioni obbligatorie a tutela della salute pubblica.

Il titolare dell’attività commerciale è stato segnalato ai fini amministrativi per violazioni al Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005), in quanto i prodotti non riportavano le indicazioni in lingua italiana ovvero erano mancanti delle indicazioni relative alla ragione sociale, al marchio e alla sede legale del produttore / importatore.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

1 commento

Rispondi