Milano fa la cresta sulla ciliegia

0

Le ciliegie al Nord paiono esser diventate bene di rifugio, come una casa od una opera d’arte. Già lo scorso anno Coldiretti aveva lanciato l’allarme, ma a guardare i risultati, è un richiamo caduco.

Infatti nei negozi dell’hinterland milanese, è spuntata la solita foto dal bancone, dove il tipico prodotto pugliese, specialità di Conversano e Rutigliano, si esalta a 9,90 euro al mezzo chilo. Quasi 20€ al chilo quando poi al massimo, i contadini e grossisti nostrani le lasciano andare via a 2,50€ per chilogrammo.

Un rincaro ingiustificato di quasi il mille per cento, che trasuda guadagni per una filiera di intermediari, mortificando invece il produttore, che investe tempo, denaro e rischi, per portare sulle tavole nostrane il meraviglioso frutto.

Il km 0 è sicuramente importante, ma lo è anche e forse più il rapporto diretto tra coltivatori e dettaglianti, in modo tale da promuovere e non mortificare il lavoro nei campi e le realtà d’eccellenza che ammantano il nostro territorio.

Condividi
Classe '91, ragioniere di titolo e professione, giornalista per passione. Collaboro con varie testate dal 2011, possibilmente editorialista di Politica ed Economia. Scrivo perché avere una opinione e farla conoscere, è terapeutico contro la superficialità imperante.

Nessun commento

Rispondi