Superlega, la New Mater Castellana non passa a Milano

0

Ad una settimana di distanza la New Mater Volley Castellana copia ed incolla sul campo di Milano la non felice prestazione di Padova uscendo sconfitta dal Pala Yamamay per 3-1 lasciando agli avversari i primi due set senza lottare , trovando una reazione orgogliosa nel terzo parziale ma perdendo nuovamente testa e continuità in un quarto set che sino a metà era parso alla portata degli uomini di Tofoli. L’opposto tedesco Hirsch, arrivato a Milano per sostituire l’infortunato Nimir (comunque in campo per qualche scambio) domina in attacco (25 punti) con il muro Bcc capace di fermarlo solo una volta nel match.

Ancor una volta dunque la Bcc Castellana Grotte paga un pessimo approccio alla partita , pieno di errori e provo di quella lucidità necessaria per imporre il proprio gioco contro un avversario apparso anche questa volta non irresistibile.

Troppi i bassi e troppo pochi i picchi di rendimento per gli uomini di Tofoli che sembrano subire troppo le prime difficoltà condizionando poi tutto il resto di gara. Con il solo Zingel sopra la sufficienza in attacco i pugliesi non trovano efficacia negli altri attaccanti che sbagliano soprattutto in contrattacco palloni importanti e certo non impossibili. In difficoltà anche la ricezione (solo il 13% di doppio positivo) cosicchè si stenta anche nel trovare i giusti ritmi di gioco.

La vittoria del terzo parziale lascia a fine gara forse ancora più amaro in bocca perchè si notano nella squadra potenzialità che faticano a venir fuori con una certa continuità.
Le statistiche restano tutte a favore della Revivre di Andrea Giani che quindi vince il suo primo scontro diretto con l’amico tecnico Paolo Tofoli lasciandolo in coda alla classifica e con tanti pensieri in testa.

LA PARTITA

In campo ci sono i sestetti annunciati con l’opposto Hirsch per Milano che fa l’esordio casalingo e Mirzajanpour titolare negli ospiti anche se non al meglio della condizione. Le squadre appaiono timorose nelle prime fasi di gioco con Milano che scappa via 5-1 ed i pugliesi che recuperano dopo il time out di Tofoli (6-6). Hirsch è il punto di riferimento principale per Milano in attacco ma Milano si puo’ staccare nel punteggio grazie agli errori gratuiti in attacco degli ospiti che non riescono a trovare il campo prima con Wlodarczyk e poi con Zingel (12-7).

Si rivede Nimir in campo per la Revivre che entra per il doppio cambio voluto da Giani.
Prova a riavvicinarsi la Bcc che sfrutta una discreta correlazione muro difesa e costringendo Giani al suo primo timeout (16-14). Entra Studzinski per la Bcc al posto di Mirza con i padroni di casa che tengono il doppio vantaggio. Manca il guizzo giusto pero’ agli ospiti per rientrare definitivamente nel set, guizzo che Hirsch trova dai nove metri. Due ace consecutivi spingono la Revivre a chiudere un primo set condotto in porto senza strafare da parte dei meneghini (25-19).

L’abbrivio in battuta di Hirsch diventa un incubo per la Bcc ad inizio secondo set (5-0) ; va sul velluto così Milano che trova fiducia nel prolungato blackout castellanese (14-6). Quartarone entra per Falaschi ma il destino del set è segnato con la New Mater incapace di reagire; Scopelliti, in campo per De Togni, mette a terra il suo primo punto ma è solo per il 22-13. Renan nel bene e nel male manda a tabellino il parziale prima con due battute importanti e poi con l’errore in contrattacco, 25-17.

Nel terzo set la New Mater trova la reazione giusta per provare a riaprire una gara decisameente in salita ;l’ace di Renan (20 punti finali) porta al doppio vantaggio gli ospiti (8-10). Pur con un paio di occasioni sprecate per allungare i pugliesi sono nel gioco. Il muro di Zingel su Marr e l’ace di Wlodarczyk siglano il finale di set con il 21-25 consegnato alle statistiche da una infrazione di Sbertoli.

Nel quarto set la Bcc inizia bene; muro zingel per lo 0-2 e punto di Mirza per tenere il doppio vantaggio. La Revivre spinge con Clevenot ma la Bcc rintuzza per il pari 14. Basta poco pero’ per infrangere le speranze di recupero ospite. L’attacco degli uomini di Tofoli si intimidisce infrangendosi sul muro lombardo che regala lo strappo decisivo con Kozamernik ed Hirsch con quest’ultimo che si merita il titolo di Mvp del match.

LE PAROLE AI PROTAGONISTI

Riccardo Sbertoli (Revivre Axopower Milano): “Siamo felicissimi per questi tre punti conquistati. Dopo Modena ci siamo detti che l’unico modo per risollevarci era farlo come squadra e come collettivo per poter provare anche ad esaltare i singoli. Oggi ci teniamo stretta questa vittoria, consapevoli che ci sono ancora degli errori che dobbiamo limare per poter esprimere la nostra miglior pallavolo. Ma andiamo avanti proiettandoci subito alla prossima sfida contro Sora”.

Giorgio De Togni (BCC Castellana Grotte) “Purtroppo anche oggi abbiamo fatto la stessa partita contro Padova, regalando tanto agli avversari e non riuscendo a limare gli errori. Milano ne ha così approfittato, mettendoci così in difficoltà. Dobbiamo ripartire dal terzo set in cui abbiamo giocato meglio: andiamo a Ravenna con l’obiettivo di essere più concreti per poter portare a casa dei punti importanti per il nostro cammino”.

IL TABELLINO

Revivre Axopower Milano vs Bcc Castellana Grotte: 3-1

(25-19, 25-17, 21-25, 25-19)

Revivre Axopower Milano: Kozamernik 9, Sbertoli 0, Maar 6, Hirsch 25, Piano 8, Clevenot 12, Pesaresi (L), Nimir Abdel Aziz 1, Basic 3, Izzo 0,Tondo 0. N.e.: Hoffer (L), Gironi, Bossi. All. Giani Batt. sb.20 , ace 7, attacco 46%, ric.pos. 42%, ric. prf. 20%, muri 10, errori 12.

BCC Castellana Grotte: Zingel 6, Cavaccini (L), Falaschi, De Togni 2, Wlodarczyk 11, Mirzajanpour 10, Zanatti Buiatti 20, Studzinski 1, Scopelliti 1, Quartarone 0, Kovac 0, N.e.: Pace (L), Khuzhov, Agrusti. All. Tofoli. Batt. sb.15 , ace 5, attacco 40%, ric.pos. 31%, ric. prf. 13%, muri 4, errori 22.

ARBITRI: Puecher, Piana . NOTE – durata set: 31′, 29′, 26 28′; tot: 114′.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.