Xylella e gelate in Puglia. La protesta dei vivaisti. Le risposte di Di Gioia

0

Ancora proteste dei vivaisti in Puglia. Questa mattina erano oltre 150 manifestanti a far sentire alta la propria voce e le proprie lamentele davanti all’assessorato regionale alla agricoltura, ad un anno dalle gelate del febbraio 2018.

Gli imprenditori, in attesa ancora di un provvedimento di ristoro per gli ingenti danni subiti oltre un anno fa, hanno consegnato simbolicamente le chiavi delle loro aziende nelle mani dell’assessore regionale all’agricoltura Leonardo Di Gioia sottolineando che domani saranno a Roma insieme a diversi sindaci pugliesi per protestare contro il decreto che non consente di espiantare le piante infette dalla xylella e che non definisce le procedure dei reimpianti.

“In merito alla protesta dei vivaisti –  ha sottolineato l’assessore Di Gioia – si sta lavorando ad una soluzione quanto più condivisa possibile. Abbiamo raccolto le giuste istanze dei produttori ed è nostro obiettivo tutelarli dalla burocrazia, troppo spesso paralizzante, mettendoli nelle condizioni di lavorare e mantenere vivo un settore strategico per la nostra regione. Appare comunque difficile il rapporto con il Comitato fitosanitario nazionale che non si è espresso in modo chiaro sulle procedure da attuarsi. La speranza è di chiudere a livello regionale una regolamentazione in grado di risolvere le questioni poste”.

“Sul tema delle gelate del 2018 – ha proseguito l’assessore -, il Ministero ha confermato la volontà di mettere a punto una norma che consenta la deroga al Piano assicurativo nazionale sì da permettere l’accesso al Fondo di Solidarietà nazionale agli agricoltori colpiti dagli eventi catastrofici di febbraio e marzo 2018. Il 14 febbraio si svolgerà a Roma una manifestazione per sensibilizzare il Parlamento ad esprimersi in tempi rapidi. Purtroppo – ha concluso di Gioia – il mondo agricolo pugliese si presenta diviso di fronte ad un appuntamento che avrebbe potuto essere l’occasione di una ritrovata condivisione delle priorità”.

Ma intanto secondo il presidente della Coldiretti Puglia, Savino Muraglia il problema è chiaro, soprattutto su Xylella e gelate: “si perde tempo a dibattere su quanti anni di galera dovranno spettare a chi non espianta gli ulivi malati senza definire risposte concrete al mondo olivicolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.