Improvviva! Rassegna Nazionale di Improvvisazione Teatrale – VIII edizione

0

Dopo il grande successo delle prime sette stagioni, la Cooperativa ImprovvsArt ha presentato l’ottava edizione di “Improvviva! Rassegna Nazionale di Improvvisazione Teatrale” che si terrà a Lecce presso il Teatro Paisiello.

ImprovvisART, dopo aver aperto a Lecce la prima scuola pugliese di Improvvisazione Teatrale (affiliata S.N.I.T. – Scuola Nazionale di Improvvisazione Teatrale), propone in esclusiva per la Puglia, una rassegna di spettacoli di Improvvisazione Teatrale in collaborazione con l’Associazione Nazionale di Improvvisazione Teatrale “Improteatro”.

La rassegna porterà in scena i format più famosi dell’Improvvisazione Teatrale che esplorano e spaziano tra le diverse sfumature moderne dell’improvvisazione, tra short form e long form, includendo due prime regionali assolute.

Improvviva! comprende una proposta artistica completa, accessibile ad un pubblico eterogeneo, innovativa e profonda allo stesso tempo che, partendo dall’improvvisazione come strumento artistico di rappresentazione, mette in scena la realtà quotidiana, i conflitti come motore delle storie che si raccontano, il divertimento come atto spontaneo del pensiero e dell’azione creativa, dando vita a un’accurata tridimensionalità dei personaggi e delle storie, nate al momento grazie all’interazione con il pubblico, tipica del teatro su testo.

Questa importante rassegna, grazie al contributo del Comune di Lecce, all’Assessore Antonella Agnoli e l’Assessore Silvia Miglietta, quest’anno avrà un valore aggiunto: il progetto “Improvviva e le periferie”, che coinvolgerà le zone periferiche della città. La formazione del pubblico delle periferie è il perno del progetto: si intende contribuire ad una sorta di alfabetizzazione teatrale che consenta di eliminare la differenza e la distanza esistenti tra pubblico e teatro.

Il presupposto, e nello stesso tempo l’obiettivo di queste iniziative, è proprio quello spettatore attivo e partecipe che abbiamo visto crearsi grazie alle strategie di “familiarizzazione” del teatro e di coinvolgimento del pubblico nella vita dello stesso.

Il progetto ruota attorno a due cardini fondamentali: l’offerta di teatro d’arte e soprattutto di improvvisazione, e l’attenzione prioritaria verso il pubblico. Il progetto si pone come obiettivo principale quello di creare una comunicazione fra gli artisti (e gli spettacoli) proposti, e il pubblico delle periferie, comunicazione che si concretizza in una relazione reciproca fra due soggetti egualmente attivi; la formazione dello spettatore è lo strumento, o “ponte”, che permette questa comunicazione e se la formazione è il compito dello spettatore, da parte degli organizzatori si rivela fondamentale il concetto di mediazione.

Assessore Antonella Agnoli: “La creazione della comunità partendo dal basso è molto importante e questo può avvenire attraverso la formazione del pubblico. Gli spettatori, in questo modo, si trasformano in protagonisti perché coinvolti in prima persona nella vita culturale della città; siamo noi ad andare da loro, portando gli spettacoli nei luoghi in cui essi vivono.”

Assessore Silvia Miglietta: “Il teatro fuori dai luoghi convenzionali è la vera svolta del progetto. Il coinvolgimento delle zone periferiche della città e il dialogo con la comunità che abita quelle zone è un elemento molto interessante. Sarà importante condividere scopi e obiettivi con le associazioni e le realtà che già lavorano in queste zone con altri progetti. In particolare verranno coinvolte le zone di Frigole, 167 A, 167 B, San Pio.”

I prossimi appuntamenti in teatro con Improvviva! saranno il 17 marzo, il 13 aprile, il 26 maggio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.