Omicidio stradale: un seminario sulle lesioni ieri a Bari

0

Un confronto serio e approfondito quello avvenuto ieri fra addetti ai lavori sul tema delle lesioni e dell’omicidio stradale.

Si è tenuto ieri nell’Aula Starace del Dipartimento di Giurisprudenza di Bari organizzato dalle associazioni Ariap, Commentario del Merito e Rotaract Club Bari Agorà con il patrocinio degli Ordini professionali degli avvocati, degli ingegneri, dei geometri dei periti insieme a Fim e Vespa Club.

A moderare i lavori l’avvocato Paolo Iannone, vice presidente Rotaract, che ha introdotto gli illustri relatori: Ettore Cardinali, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bari, Francesco Pompilio, Commissario di Polizia stradale, gli avvocati Carlo Russo Frattasi, Paolo Laghezza e Giuseppe Basciani nonché gli ingegneri Pasquale Maurelli e Francesco Del Cesta.

Beppe Basciani, responsabile del Commentario del Merito: “Un successo di presenze da parte dei colleghi testimonia l’importanza del tema. Sappiamo quanto un sinistro possa sconvolgere la vita delle persone e tutti i professionisti che, inevitabilmente, ne sono coinvolti devono essere all’altezza del compito. Oggi non possiamo più permetterci avvocati o ingegneri generalisti, il mercato ci impone una sempre maggiore specializzazione e, soprattutto, una sempre maggiore interazione tra le diverse competenze, obiettivo che ci siamo posti per questo convegno”.

Sottolinea l’importanza della vicinanza tra professionalità diverse anche Pasquale Maurelli, referente dell’associazione Ariap: “Certamente un’occasione proficua e da ripetere. L’aula era gremita di professionisti sia legali che tecnici e questo ci dà la dimensione del livello di intersettorialità ormai raggiunto. Oggi ricostruire un sinistro stradale è un po’ più facile grazie alla tecnologia ma solo se ad usarla è un professionista qualificato. Non possiamo affidare ad un algoritmo i destini e le storie delle persone”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.