Centrodestra: Fitto e Cesa siglano l’accordo: in una unica lista alle prossime elezioni

0

Divisi ci sono poche speranze di superare lo sbarramento previsto dalla legge elettorale. Insieme invece ce la possono fare. E così l’Udc di Lorenzo Cesa e Noi con l’Italia di Raffaele Fitto decidono di unire le proprie forze, presentando una lista unitaria di centrodestra.

“Definita l’intesa per unire le forze e dar vita a una lista liberale e popolare. Nel 2018 nascerà un movimento politico e si terrà il primo congresso. Noi con l’Italia e l’Udc rafforzano in modo decisivo il percorso di aggregazione di movimenti, storie, culture e personalità. Le componenti liberali e popolari, con pari dignità e forza, intendono offrire un contributo fondamentale per vincere, collegio per collegio, regione per regione. E soprattutto un contributo determinante per rivolgersi a milioni di italiani astenuti, delusi, indecisi, che non hanno ancora scelto. La decisione è dunque di convergere con il centrodestra, e di partecipare in sede locale e nazionale, ad ogni livello, all’alleanza”.

Una dichiarazione di campo ben precisa, dunque, che dovrebbe mettere al riparo da ogni equivoco: la quarta e la quinta gamba, insieme alle prossime elezioni, sono parte del centrodestra e nel centrodestra rimarranno in futuro.

Anche se l’Udc in molti governi locali appoggia ed è organico con il Partito Democratico e le civiche di centrosinistra. Ma questo è un altro punto nodale che dovrà essere affrontato in campagna elettorale.

Ma quali sono gli obiettivi dell’alleanza costituita? Su cosa si basa l’accordo politico tra Fitto e Cesa? Sono sempre i due politici a spiegarlo.

“Stiamo costituendo – dicono i due – una forza per rappresentare il ceto medio, le famiglie, il risparmio, la proprietà, le piccole e piccolissime imprese, gli artigiani, i commercianti, le partite Iva, i professionisti. Nei prossimi giorni proporremo alcuni obiettivi programmatici come fondamento della nostra azione e della nostra alleanza con il centrodestra. E’ un errore cercare la polemica e lo scontro con noi, con una formazione politica che sarà decisiva per la vittoria del centrodestra. Noi giochiamo per vincere e siamo convinti che tutte le componenti del Centrodestra abbiano lo stesso obiettivo sia per le elezioni politiche che per le elezioni regionali in Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Molise”.

Ed ancora: “Lo scontro sulle candidature è l’ultima cosa alla quale gli elettori vogliono assistere. Noi attaccheremo i nostri avversari, non gli alleati. C’è un elettorato più liberale e moderato che va rispettato e convinto ed al quale noi vogliamo dare una rappresentanza. Cesa e Fitto avranno il compito di coordinare il nuovo soggetto politico e di avviare una fase di consultazione con tutte le forze politiche ed i movimenti interessati al nostro progetto”.

Condividi
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Rispondi