Riconquistare la vetta, affrontare al meglio le ultime gare che portano al giro di boa della serie B 2017/2018 e conquistare punti importanti su un campo ostico come quello di Perugia. Questi gli obiettivi del Bari di Fabio Grosso alla vigilia del diciannovesimo turno di serie Cadetta: “Il campionato è lungo – dice il tecnico biancorosso – e abbiamo voglia di fare una grande prestazione a Perugia, migliore rispetto a quella di Chiavari e alla sfida contro il Palermo”.

Squadra tosta il Perugia, ma le motivazioni dei galletti devono essere più forti di qualsiasi avversario: “Vogliamo un risultato importante fuori casa dove abbiamo preso pochi punti. – continua Grosso – Il Perugia è una squadra che non molla, che ci crede e rimane dentro la partita fino alla fine. Proveremo a fare quello che sappiamo fare e la nostra forza deve essere quella di provare a migliorarci. Abbiamo voglia di provare ad ottenere il massimo, mantenendo l’equilibrio. Siamo felici di toccare determinate posizioni, ma non ci siamo mai sentiti in dovere di promettere niente”.

Sfida da amarcord per Fabio Grosso che a Perugia ha vissuto i suoi anni che lo hanno lanciato nel calcio che conta: “A Perugia – ha spiegato – ho vissuto tre anni bellissimi e conservo tanti ricordi. Da lì poi è partita una parte importante della mia carriera. Il Perugia è una squadra che non molla, ha ottime individualità e un bel collettivo”. Poche indicazioni sulla formazione: “Voglio mantenere qualcosa di riservato. Kozak? Sta facendo bene, un grandissimo professionista. Ci vuole tempo per tornare quello che era, ma sta mettendo ogni goccia di sudore per provarci. Brienza è rientrato, ma è ancora un po’ debole”, ha concluso.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.